ATTENZIONE !!

RICORDO CHE IL BLOG PROSEGUE LA SUA ATTIVITÀ AL NUOVO INDIRIZZO:

http://nonsimollamai.blogspot.it/p/home-page.html

(Andrea.comunicaztion)

mercoledì 5 marzo 2014

Chi è in disoccupazione lavora gratis per il Comune


BELLUNO. Disoccupati a servizio del Comune. La giunta del sindaco Massaro ha deciso di avvalersi di una possibilità che altri Municipi stanno già utilizzando per fronteggiare la cronica carenza di personale, che limita molte attività. Chi ha perso il lavoro, ma gode dei sussidi di disoccupazione, potrà dare una mano in alcuni ambiti come le manutenzioni, l'archiviazione dati e il centralino del municipio.
Sono sei le persone che saranno assunte, per sei mesi. Lavoreranno 20 ore alla settimana (4 ore al giorno dal lunedì al venerdì) e non riceveranno compenso (perché hanno già la disoccupazione). Il Comune, però, dovrà pagare la copertura assicurativa «Ricorriamo ai lavoratori socialmente utili per far fronte alla strutturale carenza di personale», spiega il sindaco, Jacopo Massaro. «Oltre a fare un servizio per il Comune, è anche un'occasione, per queste persone, per tenersi impegnate e per professionalizzarsi». Si arricchisce il curriculum, insomma, il che può tornare utile quando si è in cerca di un nuovo lavoro. «Uno andrà a potenziare la biblioteca, lavorando nell'inserimento dati e collaborando all'organizzazione dei numerosi eventi che fa la biblioteca», continua Massaro. «Un altro sarà inserito al centralino del Municipio, dove abbiamo un solo dipendente, part time. Due, invece, saranno occupati nelle manutenzioni di parchi, strade, giardini, giochi dei parchi, cimiteri. In questa fase, in cui abbiamo pochi operai che devono occuparsi di tutto, il loro apporto sarà fondamentale».

I due lavoratori sfalceranno i prati, aggiusteranno ringhiere e giochi, li dipingeranno se ci sarà bisogno. Altre due persone, infine, saranno assunte per dare supporto agli uffici contabili del Comune, dove serve qualcuno che si occupi di aggiornare le banche dati: «Specie nei servizi sociali è necessario un aiuto», precisa il sindaco, «perché vinciamo molti progetti che poi vanno rendicontati. E ci vuole molto tempo per inserire i dati e controllarli». La selezione sarà fatta sulla base delle competenze delle persone e il Comune ha stretto un accordo con l'ufficio collocamento per individuare chi potrebbe fare al caso suo. (a.f.)
(CA)